Sicurezza, Ghera: A Roma una politica debole

Una delegazione di Fratelli d’Italia guidata dal parlamentare romano Fabio Rampelli si è recata oggi dal Prefetto di Roma, Paola Basilone. Al centro del confronto i campi nomadi e le attività delinquenziali che vi ruotano intorno, le occupazioni abusive, l’impatto dei centri d’accoglienza per immigrati clandestini, lo spaccio indisturbato di droga, la prostituzione, insomma tutte le attività che riguardano i livelli di sicurezza a Roma. Questo incontro con prefetto, serve far parlare i comitati di quartiere e i cittadini, per fare esporre le proprie problematiche. Abbiamo denunciato delle situazioni, che in parte la prefettura già conosceva, e che riguardavano alcune zone che ormai sono ostaggio delle situazioni relative agli spacciatori, alcune situazioni di residenti che si lamentano della prostituzione, in zona EUR e in altri quadranti della città. Poi i luoghi tossici intorno ai campi nomadi e alcune situazioni di illegalità totale anche nei campi cosiddetti autorizzati e la situazione che riguarda i rifugiati. Il sindaco di Roma non batte mai i pugni sul tavolo, dal punto di vista nazionale. Questo fa si che tutti i disperati e i rifugiati, sia nomadi che immigrati vengono a Roma, perché sanno benissimo che c’è una politica debole, non c’è una giunta, non c’è un sindaco. Addirittura Marino aumentò il numero dei rifugiati nella nostra città e uguale sta facendo la Raggi. Il problema va quantomeno distribuito nei vari territori, la periferia altrimenti scoppia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.